L’arte del Caffè Tag

 

I cocktail al caffè più buoni da fare a casa

19 Dic 2017, Posted by La Cittadella Caffè in blog, consigli, cuorisità su caffè

Noi de La Cittadella Caffè abbiamo pensato di accendere le prossime festività con qualche favolosa ricetta di cocktail al caffè. Sono cocktail decisamente insoliti poiché, pensando ai cocktail, ai più verranno in mente quelli che si sorseggiano soprattutto d’estate, come lo Spritz, il Mojito o il Cuba Libre.

I cocktail, il cui ingrediente principale sia il caffè, sono particolari e speciali. Un po’ tutti sanno quanto bene il caffè si possa abbinare non solo con dessert, ma anche con alcolici come la grappa o gli amari. Oggi però vi mostriamo come lo si possa abbinare anche ad altri alcolici e ingredienti, per creare 3 cocktail al caffè intensi e aromatici, che chiunque può preparare a casa propria.
Ricordate che i cocktail verranno tanto più buoni quanto migliore sarà la qualità del caffè e dell’alcolico che userete!

Black russian

Già ci si può aspettare dal nome del cocktail, quale sia il compagno alcolico del caffè nel Black Russian: la vodka! La versione bianca del cocktail, il White russian, aggiunge anche la panna liquida.

ricetta black russian

Ingredienti:

Cubetti di ghiaccio
5 cl vodka
2 cl liquore al caffè

In un bicchiere alto metti il ghiaccio, poi versa la vodka e il liquore al caffè. Mescola gentilmente e servi.

Espresso Martini

Un Martini in versione dark. C’è a chi piace un po’ dolce e vi aggiunge lo sciroppo di zucchero: a voi la scelta!

cocktail al caffè espresso martini

Ingredienti:

5 cl vodka
1 cl liquore al caffè
1 caffè espresso ristretto
Sciroppo di zucchero (opzionale)
Ghiaccio

Prepara questo cocktail al caffè versando nello shaker la vodka, il liquore al caffè, il caffè ristretto e l’eventuale sciroppo di zucchero.
Metti il ghiaccio nel bicchiere per raffreddarlo, poi versalo nello shaker e agita per ca. 40 secondi. Versa l’Espresso Martini in un bicchiere da Martini, facendolo passare da un colino.

Irish coffee

Forse è uno dei cocktail più conosciuti e molto semplice da preparare. Caldo e intenso, serve a scaldare corpo e spirito nelle giornate più fredde! Preparatelo così:

cocktail al caffè irish coffee

Ingredienti:

4 cl di whisky (meglio se irlandese!)
2 tazzine di caffè espresso
2 cucchiaini di zucchero di canna
Panna montata fresca

L’accortezza del professionista è quella di utilizzare un bicchiere di vetro scaldato, ad esempio sotto l’acqua calda. Aggiungi sul fondo lo zucchero di canna, poi il whisky e infine il caffè, lasciando spazio per versare in fondo la panna, delicatamente, sul caffè. L’Irish coffee è pronto e non va assolutamente mescolato!

La Cittadella Caffè vi augura buone feste!!

buone feste

Questo mese vi proponiamo tre ricette che ci sono piaciute particolarmente che usano il caffè in squisiti dessert d’impronta autunnale. Certo noi de La Cittadella Caffè, che il caffè lo conosciamo bene, ci chiediamo quale sia il prodotto migliore che permetta, anche in cucina, di avere il gusto di caffè più autentico.

Caffè in polvere (macinato) e caffè liofilizzato (istantaneo)

Quando parliamo di caffè in cucina intendiamo il caffè in polvere, non quello liofilizzato. Se quest’ultimo ha il vantaggio di sciogliersi subito, il caffè in polvere, ovvero il caffè macinato, conferisce ai dolci il sapore autentico del caffè, che noi – ovviamente – preferiamo. Per estrarre il sapore dal caffè macinato, possiamo utilizzare principalmente due metodi, Moka o Espresso.

Il caffè solubile ha un gusto più acuto, che si differenzia assai da quello tradizionale. Il sapore e l’ aroma del caffè anche in cucina dipendono molto da che miscela si usa.

L’uso del caffè macinato in cucina offre aromi più autentici, se correttamente utilizzato. Vi ricordiamo il nostro articolo su come degustare un buon caffè.
Ecco qualche suggerimento per “mangiarsi” un buon caffè.

Torta al caffè della nonna

In questa torta lievitata viene usato sia il caffè moka che quello in polvere.

Fonte: Gnambox

Panna cotta al caffè

Qui la polvere di caffè viene lasciata in infusione nel latte per qualche minuto.
Fonte: The Black Fig

Torta di mele e caffè

La torta casalinga alle mele viene arricchita dal gusto de caffè, che deve essere forte.
Fonte: Repubblica.it

Al prossimo approfondimento! La Cittadella Caffè

Latte Art estrema in rete

10 Ago 2017, Posted by La Cittadella Caffè in blog, cuorisità su caffè, notizie e eventi

Come ormai sapete noi de La Cittadella Caffè organizziamo periodicamente corsi di Latte Art, una disciplina che sta avendo molto successo a livello internazionale. I nostri corsi di Latte Art si tengono presso La Cittadella Coffee School, dove la campionessa Chiara Bergonzi ci insegna tutto su questa disciplina. Le nuove date per il prossimo autunno-inverno ve le comunicheremo a breve!

Ci siamo imbattuti su un fenomeno che riguarda proprio la Latte Art, ma una Latte Art sui generis. Si tratta delle piccole opere d’arte create sulla schiuma del cappuccino dal koreano Lee Kang Bin, diventato famoso soprattutto sui social network con le sue decorazioni della schiuma del cappuccino.

Badate bene: tutti i cappuccini sono edibili, poiché Kang Bin utilizza colori alimentari. I suoi soggetti sono molteplici: da opere d’arte famosissime come la notte stellata di Van Gogh, l’Urlo di Munch, personaggi di Walt Disney, la Pantera rosa, fino al soggetto su commissione.

Il giovane Kang Bin è il proprietario di un locale a Seoul, il Cafe C. Through e ha alle spalle un’esperienza decennale come barista. Col tempo si è specializzato in questa Latte Art estrosa, che ha convinto e fidelizzato i suoi clienti. La sua maestria nel creare piccole e fugaci opere d’arte sulla schiuma di un cappuccino lo ha reso famoso e sempre più richiesto come insegnante in questa disciplina. Kang Lee, oltre ai disegni sulla schiuma, decora il cappuccino anche in 3D, con orsacchiotti e altre figure.

Insomma, noi crediamo che il giovane coreano ci sappia davvero fare e che sappia fare un’ottima schiuma, che riesce a decorare in modo così bello.
E a voi, che ve ne pare di queste creazioni coloratissime?

Al prossimo appuntamento! La Cittadella Caffè

Breve storia del caffè italiano

25 Lug 2017, Posted by La Cittadella Caffè in blog, cuorisità su caffè, notizie e eventi

La storia del caffè italiano inizia nel 1645 precisamente a Venezia, la prima città europea ad aprire la prima bottega del caffè. In questo segue Venezia l’esempio di Bisanzio (ex Costantinopoli), con cui da secoli ha forti relazioni commerciali. Prima di arrivare al 1600 a Venezia, sul caffè se ne sono raccontate tante: dalle sue radici nella mitica età dell’oro, alle tracce nel Libro dei Re, alla leggenda secondo cui l’arcangelo Gabriele, per svegliare Maometto da una potente sonnolenza, gli offrì 40 tazze di caffè nero.

Dov'è nato il caffè?

Conoscete la terra d’origine del caffè? E’ l’Etiopia. Secondo la leggenda, un pastorello dell’altopiano di Koffa (da cui il caffè prenderebbe il nome) un giorno notò un comportamento insolito nelle sue capre, solitamente docili bestiole. Quel giorno invece erano agitate, dopo aver brucato i frutti rossastri di alcuni cespugli. Incuriosito, provò anche lui queste bacche e pure lui andò su di giri.

Portato dai soldati etiopi, il caffè arriva in Europa attraverso l’Africa orientale. Anzitutto fiorisce nello Yemen e precisamente nella regione Mocha (o Moka), da cui prende il nome la meravigliosa varietà di caffè, tanto amata anche dal nostro illustre connazionale Pellegrino Artusi che sostiene: “Il miglior caffè è pur sempre quello di Moka”.

Qualche difficoltà

A cavallo del ‘600 alcuni frati provarono a fare scomunicare la corroborante bevanda, sostenendo davanti al papa Clemente VIII che il caffè si debba “fermarlo prima che guasti le anime”. Il papa volle tuttavia sincerarsi di cosa fosse precisamente la diabolica bevanda di cui parlavano i frati: assaggiò il caffè, poi lo riassaggiò e lo risorseggiò. Aiutato dalla caffeina, si convinse che il caffè poteva essere battezzato e non andava lasciato agli infedeli.

caffè italiano pisa

I primi caffè in Italia

Tornando a Venezia, il primo caffè lo aprì un certo Pietro della Valle. I mercanti di San Marco di adoperano nel commercio dell’oro nero, e, confezionandolo in preziose scatole di legno, argento e di vetro di Murano, lo fanno conoscere in tutta l’Europa.

Ma il primo caffè moderno, come lo conosciamo noi, apre non in Italia ad opera di un italiano. Agli inizi del ‘700 il sig. Procopio di Cutelli apre a Parigi il presto famosissimo caffè Procope, in cui vanno filosofi, politici e letterati come Voltaire, Robespierre, Balzac o Oscar Wilde. Oltre al caffè, vi si servono cioccolata e rosòli, pasticcini e gelati.
Il Procope è l’antenato di illustri caffè italiani, molti dei quali tutt’ora esistenti, come il Florian in piazza San Marco, il Gran Caffè Gambrinus a Napoli o il Michelangiolo a Firenze.

storia del caffè

Il miglior caffè è quello italiano

L’Italia diventa presto la seconda patria del caffè. Questo infuso in Italia trova la sua espressione più alta, viene valorizzato al massimo: è qui che si fa il miglior caffè del mondo!
Il caffè viene declinato in centinaia di modi diversi. Qualche esempio: Espresso, ristretto, lungo, caffè filtro, cappuccino, Moka, macchiato, alla napoletana, shakerato, corretto, con gelato, affogato… solo per nominarne alcuni!

Al prossimo appuntamento! La Cittadella Caffè

Fonte: “Vitae”, N. 12/17

La Cittadella Caffè si fa notare

05 Giu 2017, Posted by La Cittadella Caffè in blog, notizie e eventi

Benvenuti sul Magazine de La Cittadella Caffè dedicato alle novità dal mondo del caffè e dall’arte della caffetteria. Periodicamente pubblichiamo articoli dedicati non solo alle news dell’azienda, ma anche volti ad arricchire e approfondire le conoscenze sul caffè.

La Cittadella Caffè sulla rivista Top Salute

Oggi vogliamo segnalarvi un articolo apparso sul noto mensile Top Salute, dedicato al benessere, che ha dedicato uno spazio importante alla nostra azienda e alle sue iniziative.
L’articolo dà ampio al profilo e alla mission aziendale, quella di “un’azienda toscana che da più di 50 anni produce e commercializza pregiate miscele capaci rendere unico e prezioso il semplice gesto di bere il caffè”.

Ma non solo! L’articolo mette in evidenza soprattutto uno dei punti di forza che ci contraddistingue: la formazione e l’aggiornamento professionali relativi a caffetteria e Latte Art. La Cittadella Coffee School, come ormai sapete, è diventata un vero punto di riferimento di formazione SCAE e Latte Art per Pisa e Toscana. Particolare rilievo è stato dato a Chiara Bergonzi, la Trainer e vice campionessa mondiale di Latte Art, che, con la sua passione e approfondita conoscenza della Latte Art, presiede a molti dei nostri corsi.

cittadella caffè su top salute
stampa su cittadella caffè

Ci è piaciuto che sia stato sottolineato il legame molto forte de La Cittadella con il territorio pisano e la sua storia, su cui la nostra azienda è nata e si è sviluppata. Siamo soddisfatti di vedere riconosciuto anche dalla stampa il nostro intento di offrire un prodotto e un servizio eccellenti, che puntano a creare e consolidare un saldo rapporto di partnership con i nostri clienti.

Al prossimo appuntamento! La Cittadella Caffè

Il rito quotidiano del caffè è un momento fondamentale per iniziare una giornata. Può essere un momento di piacere, che ci prendiamo solo per noi, oppure da condividere appena svegliati.

Cosa è l'analisi sensoriale

Così come per il vino, anche per il caffè si parla di analisi sensoriale. Può sembrare un’espressione erudita, ma in realtà il suo significato è semplice. Si tratta solo rendersi conto di cosa succede ogni mattina quando beviamo un caffè. Se ci pensate bene, quando beviamo il caffè usiamo i tre sensi: vista, olfatto e gusto.

Usiamo gli occhi per guardare il caffè in tazzina e verificare che abbia l’aspetto e l’altezza ideale. Usiamo il naso per sentire l’aroma. In bocca infine ne percepiamo il gusto.
Può essere interessante sapere quali sono gli aspetti da considerare per riconoscere un buon caffè espresso.

caffè espresso
macchina espresso

Il caffè e i sensi

Degustare il caffè con gli occhi
La prima cosa che si guarda in un caffè espresso è la sua crema. Questa dovrebbe essere densa e vellutata, di un colore nocciola senza macchie bianche o bollicine, che sono segno di un espresso non preparato a regola d’arte.

Degustare il caffè con il naso
Bere un caffè significa anche inspirare intensamente i suoi aromi. Il suo profumo meglio conosciuto come aroma, può essere intenso o debole. Vi si possono trovare diverse note aromatiche che variano dal floreale al fruttato, passando dal cacao, cannella, pane tostato e cereali.

Degustare il caffè con la bocca
Quando beviamo il caffè entrano in gioco sia il gusto (grazie principalmente alle papille gustative sulla lingua) che il tatto. A livello tattile, del caffè si percepiscono la temperatura e la sciropposità, detta “corpo”.

Il gusto del caffè è estremamente complesso, si possono degustare tazze dolci con spiccata acidità, ricche di toni fruttati ed agrumati, ma anche tazze amare con sentori di pane tostato o cacao.
Tutto dipende da quale varietal si sta degustando, arabica, robusta o blend.

I professionisti del caffè

Chi degusta professionalmente il caffè utilizza un particolare cucchiaio da degustazione appunto, il goûte cafè. Come per il vino, anche il caffè viene “nebulizzato” in bocca, in modo che raggiunga tutto il cavo orale e possa sprigionare così tutte le sue caratteristiche.
Il suo gusto ce lo portiamo in bocca a lungo (anche fino a 15 minuti dopo la deglutizione!), per questo è importante bere del buon caffè.

L’analisi sensoriale divide l’esperienza del caffè in tutte queste fasi. Ma il caffè è molto di più della somma delle sue parti: è un momento in cui s’incontrano gli aromi, le persone e i rumori del bar in un’unica esperienza di piacere.

Se tutto questo vi ha incuriosito e siete interessati a conoscere meglio questo affascinante mondo del caffè, vi invitiamo a partecipare ad uno dei nostri corsi SCAE e in particolar modo al Sensory Skills.

Al prossimo approfondimento! La Cittadella Caffè

La Cittadella Caffè è l’unico completo punto di riferimento per i corsi di formazione di Caffetteria SCAE e Latte Art per Pisa e Toscana.
Se hai un’attività o lavori nel settore della caffetteria (bar, ristorante, albergo ecc.), i nostri corsi di formazione sono perfetti per te!

Oggigiorno la qualità del lavoro e del prodotto sono fondamentali per fare la differenza: che siate dei principianti o già da anni nel mondo della caffetteria, i corsi de La Cittadella School sono l’ideale sia per la formazione che per il perfezionamento.

Avete mai sentito parlare dei Corsi SCAE e Latte Art?

È probabile che molti di voi abbiano sentito parlare dei Corsi SCAE e Latte Art, ma che concretamente non riescano a spiegare di cosa si tratti. Abbiamo pensato di darvi il più pratico degli esempi raccontandovi una giornata tipo dei nostri corsi.

Il 9 Marzo, per esempio, abbiamo ospitato uno dei è più noti maestri della Latte Art, Luigi Lupi che ha presenziato un interessante corso – molto partecipato! – sul caffè e l’arte di decorare il cappuccino.

Una giornata a La Cittadella School - Corso di Latte Art

I nostri corsi si svolgono mattina e pomeriggio, dopo la registrazione dei partecipanti e il benvenuto da parte dello Staff La Cittadella, si procede solitamente a un’introduzione sul caffè e sulla torrefazione.
Le domande dei partecipanti e il confronto con gli insegnanti sono fondamentali per la comprensione di quale sia il livello di conoscenza degli strumenti, del lavoro e capire come evitare gli errori più comuni.

Scorri le foto del pomeriggio

Dalla teoria…

Il pomeriggio del 9 marzo si è svolto un corso esemplare: Luigi Lupi ha introdotto all’universo del caffè in modo chiaro e divertente, toccando i molteplici aspetti del settore, dalla coltivazione alla creazione di un ottimo caffè.

La lezione comprende materiali di studio, opportune lavagne e schemi di comprensione che supportano il percorso esplicativo dell’insegnante.
Anche in questo particolare pomeriggio sono state molte le mani alzate, gli interventi dei partecipanti che hanno avuto modo di analizzare il proprio operato fino a quel momento e valutare assieme alla “classe” i margini di miglioramento.

libri scae
caffetteria cittadella caffè pisa

… Alla pratica

Dalla teoria si è poi passati alla pratica, nella seconda parte del corso, dove Luigi Lupi si è fatto un ottimo caffè seguendo la formula magica della tazzina perfetta! Esatto! Esiste una formula matematica per fare un buon caffè, se volete scoprirla vi invitiamo a provare i nostri corsi (link pagina corsi) che cambieranno diametralmente il vostro punto di vista sull’universo caffè.

La lezione è proseguita con molti esempi pratici di Latte Art, disciplina di cui Luigi Lupi è iniziatore in Italia. I partecipanti hanno avuto modo di vedere da vicino come si esegue una “schiuma” perfetta, come realizzare un cappuccino buono e anche bello da vedere.

Il corso è continuato con queste prove pratiche dei partecipanti sulla decorazione del cappuccino.
L’entusiasmo dei presenti nel vedere i propri immediati miglioramenti li ha convinti in un attimo di quanto avevamo detto in apertura, ovvero quanta differenza ci sia tra saper fare un caffè e confezionare, invece, un caffè o un cappuccino di ottima qualità.

partecipanti cittadella school

Sei interessato ai nostri Corsi di Caffetteria e Latte Art?
Trovi tutte le informazioni a questa pagina e i libri tematici a questa.
Contattaci subito da questo form per avere informazioni su costi e date, i corsi sono molto frequentati e i posti sono limitati, ti consigliamo di prenotare subito!

Info Corsi SCAE

Autorizzo il trattamento dei dati personali contenuti nel mio curriculum vitae in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003.

CAPTCHA
Si prega di attendere ...

Alcune ricette per un rinfrescante caffè estivo

17 Ago 2016, Posted by La Cittadella Caffè in blog, consigli, cuorisità su caffè
L’estate, il caldo, l’afa… Ma gli italiani, assoluti intenditori in materia, possono forse rinunciare al quotidiano “rito del caffè”?

La risposta è ovviamente “no”.

Oggi però, vogliamo suggerirvi alcune delle alternative alla classica tazzina di caffè caldo, preparazioni gradite soprattutto in periodo estivo, alcune – come la famosa granita – ormai integrate nelle specialità locali.

Quale modo migliore, allora, di affrontare il caldo senza rinunciare alla nostra dosa di caffeina quotidiana? Preparare  un buon caffè freddo, naturalmente!

Esistono molte ricette in tutto il mondo su queste alternative, noi ne abbiamo selezionate sei: cappuccino freddo, mousse al caffè, caffè shakerato, frappè, granita al caffè e affogato al caffè.

Ecco le diverse preparazioni che, speriamo, vi ispirino nel degustare questa eclettica bevanda apprezzata ovunque.

CAPPUCCINO FREDDO

Ingredienti: 1 caffè, 10 cubetti di ghiaccio, 1/2 bustina di zucchero, 120 ml di latte e cacao in polvere

Preparazione: dopo aver preparato il caffè, lo versiamo in un mixer con 4-5 cubetti di ghiaccio e 1o 2 bustine di zucchero. Mixiamo per 50 secondi e versiamo il contenuto in un bicchiere. Nel mixer versiamo, poi, 5 cubetti di ghiaccio e il latte. Mixare il tutto per 50 secondi. Versiamo tutto nel bicchiere, spolveriamo con cacao amaro e il cappuccino freddo è pronto.

MOUSSE CAFFÈ

Ingredienti: 3 tuorli d’uovo, 100 gr di zucchero, 4/5 tazzine di caffè, cacao e 500 ml di panna

Preparazione: montare i 3 tuorli d’uovo con 100 gr di zucchero e unite poi caffè e cacao. In un recipiente a parte montate la panna da unire poi al composto già preparato mescolando dal basso verso l’alto fino ad ottenere un composto omogeneo. Versate la mousse in bicchierini di vetro e guarnite con chicchi di caffè. Fate riposare il tutto in frigorifero per un paio d’ore.

CAFFÈ SHAKERATO

Ingredienti: 7/8 cubetti di ghiaccio, 1/2 bustina di zucchero, liquore o vaniglia, 1 tazzina di caffè, 1 shaker

Preparazione: versare il contenuto di una tazzina di caffè in uno shaker insieme a 7/8 cubetti di ghiaccio e lo zucchero. Per dargli un tocco in più, a vostra scelta, potete aggiungere o del liquore o aromatizzarlo alla vaniglia. Agitare il tutto per qualche secondo, e poi filtrar il contenuto in un bicchiere. Il caffè shakerato è pronto.

FRAPPÈ

Ingredienti: 100 gr di gelato alla crema, 1/2 tazzine di caffè, 100 ml di latte, 4/5 cubetti di ghiaccio

Preparazione: inserite in un frullatore il gelato, il caffè, il latte e 4/5 cubetti di ghiaccio. Frullate tutto per qualche minuto e servite in un bicchiere.

GRANITA AL CAFFÈ

Ingredienti: 2 tazzine di caffè, 100 gr di zucchero semolato, baccello di vaniglia, 250 ml d’acqua

Preparazione: dopo aver preparato il caffè, aggiungete in un pentolino lo zucchero semolato con l’acqua. A vostro piacimento potete aggiungere anche la vaniglia. Mescolate tutto e una volta portato ad ebollizione, spengete il fuoco e mescolate lo sciroppo. Una volta raffreddato, mettete lo sciroppo in freezer per 3 ore, mescolando la unità ogni mezz’ora.

AFFOGATO AL CAFFÈ

Ingredienti: 125 gr di gelato (crema o fiordilatte), 20 gr di cioccolato fondente, 1 caffè

Preparazione: in una coppa aggiungete il gelato, un cucchiaio di cioccolato fondente sbriciolato e versate il caffè.

Dunque, diteci, la vostra alternativa preferita qual è?

Buona estate da La Cittadella Caffè

caffè-estate-la-cittadella-consigli-ricette

La Cittadella Caffè tiene moltissimo alla soddisfazione dei propri clienti, per questo organizziamo corsi e dimostrazioni dedicate a quella che consideriamo l’arte del preparare il caffè.

Questo mese abbiamo avuto il piacere di ospitare la campionessa Chiara Bergonzi, barista, bar trainer, giudice internazionale e pluri-premiata Italian & World LatteArt Championship, una vera professionista nell’arte del caffè e del cappuccino; la sua esperienza come LatteArt specialist la rende il trainer perfetto per i nostri corsi dedicati.

La-Cittadella-Caffè-Corso-LatteArt-PartecipantiNei due giorni (28/29 Aprile) del Corso di LatteArt, ospitato nei locali della nostra azienda, sono intervenuti molti dei nostri clienti curiosi di scoprire tutti i segreti di un caffè e di cappuccino creati ad arte.
Chiara Bergonzi ha introdotto quella che può definirsi autorevolmente la disciplina LatteArt, nota da anni a livello mondiale, ma che si identifica con l’eccellenza italiana del cappuccino.

Ha descritto le prerogative necessarie per ottenere un ottimo caffè, l’importanza della macinatura come della manutenzione del macinino e di tutti gli strumenti di preparazione, illustrando i procedimenti corretti che dovrebbero essere sempre rispettati nel rito creativo di fare il caffè.
Con esempi pratici Chiara Bergonzi ha messo in opera le varie fasi di preparazione del caffè e del cappuccino, sottolineando in primis l’importanza di una scelta d’ingredienti di alta qualità, la necessità di fare uso di strumenti adeguati e seguire un metodo preciso senza omettere i dettagli, poiché un buon caffè o un cappuccino sono frutto di questo insieme di azioni, trascurarne una soltanto significa pregiudicare l’esito della preparazione.

I partecipanti hanno potuto mettersi alla prova seguendo le istruzioni pratiche di Chiara Bergonzi, testando la propria manualità in tutte le fasi di creazione del caffè e, in particolare, del cappuccino, un prodotto più complesso dove tecnica e abilità sono essenziali per ottenere una schiuma dalla consistenza perfetta, una nuvola bianca su cui disegnare.

E Chiara Bergonzi è una vera specialista nel fare del cappuccino una tela su cui dipingere! Durante il corso ci ha dato dimostrazione del suo talento come LatteArtist, creando per noi cappuccini deliziosi da bere e da guardare: vere opere d’arte da degustare.
La sua abilità e la creatività le valgono – non a caso – il titolo di campionessa a livello mondiale, ma il vero modo per comprenderne la bravura è sicuramente vederla all’opera su una creazione, esattamente come si assiste ammirati alla performance di un artista contemporaneo, con la differenza che qui si usano la schiuma come tela, il caffè come tinta e un piccolo accessorio come pennello.

La-Cittadella-Caffè-Corso-LatteArt-Tazza-CaffèLa-Cittadella-Caffè-Corso-LatteArt-Preparazione-CappuccinoLa-Cittadella-Caffè-Corso-LatteArt-Pittura-Cappuccino

Questa due giorni di Corso di LatteArt si è rivelata un’esperienza istruttiva e coinvolgente anche per noi de La Cittadella Caffè, speriamo che anche i partecipanti che hanno seguito con tanto entusiasmo, abbiano appreso quale sia la ricetta ideale per preparare e offrire alla propria clientela un ottimo caffè e un cappuccino disegnato ad arte!

Al prossimo approfondimento,
La Cittadella Caffè